BLUCELESTI

Lecco – Renate 0-2: buona prova dei blucelesti e tante recriminazioni

LECCO – RENATE 0-2
Guglielmotti (R) al 71’, Galuppini (R) al 74’

Una sconfitta bugiarda. Il Lecco, proveniente da tre risultati utili consecutivi, non riesce a fare poker, merito di un Renate cinico in attacco e lucido in difesa. Un ottimo primo tempo non basta ai blucelesti che hanno da recriminare, sia con qualche episodio che poteva essere gestito meglio, sia con alcune scelte arbitrali. Rimane l’ottima prestazione e la voglia di riscatto, già a partire dalla trasferta toscana di Pontedera.

I blucelesti cominciano bene e conducono il gioco con un ottimo giropalla per innescare Capogna, premiato nel prepartita per aver superato le 100 presenze in maglia bluceleste. La prima occasione del match, tuttavia, se la procura il Renate, che riesce con Galuppini a calciare in porta senza creare particolari problemi a Safarikas. Il Renate inizia a imporre gioco e Anghileri scocca la seconda conclusione renatese, senza centrare lo specchio della porta. Il Lecco vuole rispondere e Capogna su contropiede lascia partire un fendente che sfiora il palo. Poco dopo è Bobb a provarci senza fortuna dalla distanza. I ragazzi di D’Agostino pressano altissimo con l’intento di asfissiare la manovra renatese, che quando riesce a rompere la pressione trova ampi spazi. Nonostante questo, la difesa bluceleste è solida e non concede spazi, con il primo tempo che si chiude sullo 0 a 0.

Il secondo tempo si apre con un Renate più attivo, che trova subito la conclusione col pimpante Galuppini. Le squadre rimangono più chiuse, a dimostrazione di quanto i punti in palio siano pesanti per entrambe le formazioni. Il Lecco si fa vedere e si procura la migliore occasione della partita, con Bobb che calcia dopo una sponda fantastica di Capogna. Palla che esce in corner vicinissima al palo. E proprio quando il match sembrava in assoluto controllo, ecco che gli ospiti pescano il jolly con Guglielmotti che insacca sull’assist di Grbac al 71’. D’Agostino prova subito a mescolare le carte inserendo D’Anna al posto di Strambelli, ma il Renate ormai è un fiume in piena e su un fallo dubbio non fischiato ai danni di Bobb, Galuppini realizza lo 0-2 definitivo.

In conferenza stampa mister D’Agostino non vuole alibi, ma ribadisce che il Lecco è vittima di qualche decisione da rivedere: «Giocato un buon primo tempo. Purtroppo la mia paura era quella della tenuta fisica perché siamo tornati da Salò alle 2 di notte e nella ripresa siamo calati. Giochiamo alle 15 della domenica, mentre la FeralpiSalò giocherà lunedì sera e questo non è molto corretto. Il Lecco merita rispetto, non cerco alibi, ma pretendiamo rispetto. Arbitraggio? Qualche scelta è stata discutibile e quando chiedi spiegazioni, si è minacciati di prendere il cartellino. Ad ogni modo, questa squadra ha bisogno di una settimana completa per lavorare. Il primo gol era evitabilissimo, ma non posso recriminare molto perché abbiamo fatto una bellissima partita fino al pareggio».

 

TABELLINO

LECCO (3-4-2-1): Safarikas; Procopio, Bastrini, Merli Sala; Pastore, Bobb (Fall dal 80’), Moleri (Scaccabarozzi dal 84’), Carissoni; Giudici (Maffei dal 80’), Strambelli (D’Anna dal 73’); Capogna (Negro dal 84’). A disposizione: Bacci, Magonara, Vignati, Marchesi, Chinellato, Lisai, Maffei. Allenatore: Gaetano D’Agostino.

RENATE (3-5-2): Satalino; Ranieri, Anghileri, Grbac (Plescia dal 89’), Baniya, Galuppini (Teso dal 83’), Militari, Damonte, Possenti, De Sema (Maritato dal 68’), Guglielmotti. A disposizione: Stucchi, Magli, Pizzul, Confalonieri, Pelle, Marchetti. Allenatore: Aimo Diana.

Ammoniti: Strambelli, Pastori, Moleri, Nacci per il Lecco; Galuppini, De Sena, Baniya per il Renate
Espulsi: Nessuno. 

Arbitro: Sig. Mario Cascone (Nocera Inferiore)
Assistenti: Sig. Maicol Ferrari (Rovereto) – Sig. Giorgio Lazzaroni (Udine)

Spettatori: 2259 di cui 1525 abbonati.

 

Tommaso Valtolina