BLUCELESTI

Lecco – Giana Erminio 1-2: blucelesti beffati nel recupero da due gol di Mutton

LECCO – GIANA ERMINIO 1-2
D’Anna (L) all’82’; Mutton (GE) al 90’+1 e al 90’+7

Finisce nel peggiore dei modi l’esordio della Calcio Lecco al Rigamonti-Ceppi: con due gol subiti nei minuti di recupero, che vanificano il momentaneo vantaggio di D’Anna all’82’. Il Lecco gioca bene e non merita certo di essere sconfitto, ma questo può anche essere considerato lo “scotto” del cambio di categoria. Specialmente dal punto di vista psicologico, dove si è deciso il match nei minuti di recupero. Nulla però è perduto, perché i ragazzi di Gaburro hanno già la possibilità di rifarsi e passare il turno nel prossimo impegno contro l’AlbinoLeffe a Gorgonzola domenica prossima.

Regna un sostanziale equilibrio nella prima parte del match, dove entrambe le compagini si studiano a vicenda prima di sferrare il colpo. La prima vera occasione arriva all’8’ quando da calcio d’angolo la Giana Erminio si rende pericolosa con Montesano. Il Lecco prende le misure e risponde al 17’ con Maffei, lanciato da Migliorini, ma Marenco respinge. Poco dopo sono ancora gli ospiti per due volte a provarci con Cortesi e Solerio, ma le conclusioni si spengono alte sopra la traversa difesa da Bacci. Verso lo scadere del primo tempo i ragazzi di Marco Gaburro creano due palle-gol incredibili con Maffei e Capogna, entrambe bloccate da un super Marenco che porta i suoi sullo 0 a 0.

Il secondo tempo si riapre in modo frizzante e la Giana Erminio apre con una bella azione che permette a Cortesi di affacciarsi al tiro. Non tarda la risposta del Lecco con Migliorini che chiama al miracolo Marenco. Gli ospiti cambiano molto, ma il Lecco sembra averne di più: al 72’ Chinellato si vede sventolare la bandierina del guardalinee dopo aver depositato il pallone in porta, sintomo che i blucelesti ci sono. All’81’ D’Anna non trova la porta di testa e trenta secondi dopo Marenco esce in maniera provvidenziale su Chinellato. Nulla può però il portiere biancoazzurro un minuto più tardi quando Maffei serve al centro un pallone d’oro per D’Anna che deve solo appoggiare in rete l’1 a 0. La Giana sembra accusare il colpo, ma i 6 minuti di recupero concessi dalla terna danno nuova linfa agli ospiti che passano per due volte con Mutton, dopo gli sviluppi di una palla ferma. È una beffa atroce che costa la sconfitta per 2 a 1.

Questo il commento di mister Marco Gaburro in conferenza stampa: «Sconfitta che insegna qualcosa, perché noi siamo dei neofiti della categoria. Se qualcuno voleva capire come sarebbe cambiata la musica rispetto allo scorso anno, oggi l’ha capito benissimo. Abbiamo diversi spunti di riflessioni e cerchiamo di comprendere da questa partita cosa migliorare. Errori? Si sbaglia tutti, probabilmente quelli della terna sono stati decisivi. In occasione del primo gol il fallo di Procopio è stato un abbaglio e la seconda rete è arrivata ampiamente oltre i 6 minuti di recupero concessi. Noi abbiamo giocato bene fino agli ultimi venti metri, ma abbiamo prodotto molta mole di gioco per segnare e questo non va bene».

 

TABELLINO

LECCO (4-3-3): Bacci; Alborghetti (Carissoni dal 76’), Malgrati, Carboni, Procopio; Moleri, Migliorini (Marchesi dal 76’), Scaccabarozzi; D’Anna, Capogna (Chinellato dal 67’), Maffei. A disposizione: Safarikas, Magonara, Samake, Merli Sala, Nivokazi. Allenatore: Marco Gaburro.

GIANA ERMINIO (3-4-1-2): Marenco; Gambaretti, Pirola (Mutton dal 68’), Montesano (Zulli dal 54’); Doughe (Pedrini dal 54’), Piccoli (Serafini dal 65’), Pinto, Remedi, Solerio; Perna (Fumagalli dal 54’), Cortesi. A disposizione: Leoni, Perico, M’Zoughi, Colleoni, Otele, Sosio, Bonella. Allenatore: Riccardo Maspero.

Ammoniti: Scaccabarozzi, Carboni, D’Anna, Maffei, Marchesi per il Lecco; Montesano, Remedi per la Giana Erminio.
Espulsi: Scaccabarozzi del Lecco dopo il triplice fischio. 

Arbitro: Sig. Mario Davide Arace (Lugo di Romagna)
Assistenti: Sig. Mattia Regattieri (Finale Emilia) – Sig. Massimo Abagnale (Parma)